Escursioni autunnali

Amici camminatori curiosi, il 1 settembre abbiamo fatto il punto della situazione per programmare l’attività di Comitato cave Marocco e Salviamo il Paesaggio – Mogliano Veneto, era nostra intenzione riavviare le escursioni di conoscenza e lettura critica dei paesaggi, ma, viste le controindicazioni segnalate da chi ha partecipato di recente a un’escursione (pur limitata a soli 20 partecipanti) e cioè: impossibilità di mantenere il distanziamento, partecipanti che non vogliono indossare la mascherina, possibile denuncia all’organizzatore dell’escursione da parte di chi contrae il virus anche a distanza di giorni, etc, l’escursione al Monte Tomba e malga Fossa ipotizzata per il 27 settembre viene annullata.

Teniamo sub judice (in base all’evoluzione della pandemia) quelle programmate per il 18 ottobre a Dardago (PN) e per l’8 novembre alle Grave di Ciano.

In caso di effettuazione le escursioni saranno comunque a numero chiuso, solo su prenotazione, e con richiesta di firma, alla partenza, di autodichiarazione di essere in buona salute e non aver avuto contatti con portatori conclamati di covid-19, inoltre obbligo di avere la mascherina al seguito.

Siamo stati invitati al confronto con l’Amministrazione comunale per il Piano degli Interventi che deve attuare le indicazioni del PAT in merito alla gestione del territorio.

Il Piano prevede l’attuazione del Parco delle cave di Marocco all’interno di un Parco Urbano che definisce come verdi alcune aree del comune, inoltre prevede una serie di misure di mitigazione urbanistica, definiamole così. Buone intenzioni sulla carta, ma come sempre da verificare in concreto vista la legislazione superiore, come quella Regionale, che permetterà
l’inserimento nell’area ex Nigi sul Terraglio dell’ennesimo supermercato. Una proliferazione scandalosa, a nostro avviso, di queste strutture commerciali che continuano a sorgere come funghi (velenosi) attorno ai centri urbani col risultato di mandare in crisi tutti i negozi di vicinato. La Confcommercio trevigiana è nostra alleata nella denuncia.

Alleghiamo l’invito a firmare e  far firmare la nostra petizione per la realizzazione del Parco della biodiversità alle cave senili di Marocco (al momento 3.275 firme). Continueremo a raccogliere le firme fino a quando non avremo l’assicurazione che l’area sarà delimitata e protetta da una fascia di rispetto, che l’Amministrazione comunale stanzierà in bilancio per il
2021 le risorse necessarie ad allestire l’area di accesso al Parco posta a nord delle cave e di proprietà comunale e quanto necessita per lo studio ambientale necessario al riconoscimento delle peculiarità naturalistiche dell’area.

Segnaliamo per i moglianesi la possibilità di firmare su stampato cartaceo presso i negozi: BioE’ sul Terraglio, Erboristeria Germoglio all’interno dl centro commerciale Ronzinella, Panificio del quartiere San Marco, Equo e Solidale di Piazza Pio X, Erboristeria di Samuele di via Vanzo.

Per la petizione ricordiamo che basta cliccare su FIRMA ORA e si apre lo spazio per la firma.

Con l’occasione vi auguriamo un buon fine estate e un ancora migliore autunno.

Paolo Favaro

CAVE DI MAROCCO: PRIMO OBIETTIVO RAGGIUNTO

Ci eravamo posti l’obiettivo di trovare il consenso alla nostra azione da almeno 3.000 persone adulte entro l’estate, il 7 agosto, esattamente a un mese dal lancio della nostra petizione per la salvaguardia delle cave senili di Marocco tramite la creazione di un
Parco della Biodiversità, quota 3.000 è stata raggiunta e superata (2.660 firme online e 374 manuali).
L’Amministrazione comunale quindi dovrà prendere atto che non siamo in pochi e la cittadinanza tutta sarà invitata a darci una mano continuando a firmare fino a quando non sarà definita l’area da salvaguardare, finanziato e approvato il Piano Ambientale e definita
la trasformazione in Parco dell’area di proprietà comunale posta a sud dello stadio comunale.
Tra le numerose associazioni sostenitrici intanto ci piace nominare quelle cittadine: Amici della Montagna, Amici del Parco, APIO, Fridays For Future Mogliano V., Matite in viaggio, Ass.ne Mojan, Officina 31021, Parrocchia S.ta Maria Assunta, Ass. Quartiere Marocco, Soci COOP Alleanza 3.0 Mogliano V., SOMS-Galilei. Inoltre, a livello informale siamo appoggiati da altre associazioni o singoli che agiscono a Mogliano Veneto. Importante la rete dei “negozi amici” che raccolgono le firme di tutti i clienti maggiorenni che sono interessati a sostenerci; al momento sono sette, ma speriamo di allargare il numero a altre realtà commerciali.
Ora attendiamo la presentazione del primo Piano degli Interventi per capire se in esso saranno ricomprese le azioni e gli impegni sopra descritti; una delibera approvata in Consiglio Comunale lo scorso 26 maggio ci fa sperare in tal senso.
Chiediamo a tutti i moglianesi di continuare a sostenere la nostra azione firmando e facendo firmare.

PARCO ALLE CAVE: LA PROPOSTA DEL COMUNE MERITA ATTENZIONE, MA VIGILEREMO SUGLI IMPEGNI

Nell’incontro col Sindaco del 5 giugno abbiamo registrato l’intenzione dell’Amministrazione comunale di proseguire con un procedimento più snello di quello da noi richiesto e indicato dal PAT approvato l’anno scorso per riconoscere l’area delle cave di Marocco come rientrante tra quelle definite SIC (sito di importanza comunitaria) o ZPS (zona di protezione speciale). Continua a leggere apri il:

Giugno 2020 Comunicato stampa su Parco alle cave di Marocco (2)

ABBIAMO BISOGNO DI DUE NUOVI SUPERMERCATI A MOGLIANO?

Cittadini moglianesi, sarete felici di sapere che il Terraglio a breve sarà deturpato da un
nuovo insediamento nell’area ex Metalcrom (di fronte a un supermercato CONAD!) in
comune di Casier, che a Casale sul Sile l’amministrazione comunale cementificherà 50
ettari di terreno agricolo fertile con una megastruttura, si parla di un centro logistico
AMAZON, che arriverà fino a 25 mt di altezza, che a ridosso del nostro centro cittadino,
sul Terraglio, LIDL vuole costruire l’ennesimo punto vendita e che nell’area ex NIGI è
sempre in attesa un nuovo supermercato Visotto.

Continua a leggere… 2020 Comunicato insediamento LIDL.pdf

Lettera a soprintendenza: accertamento situazione in essere a Villa Rigamonti Coletti a Campocroce di Mogliano Veneto

Il nostro associato Roberto Masiero, risiedente in quel di Campocroce, frazione di Mogliano Veneto, ci segnala quella che potrebbe essere una preoccupante situazione venutasi a creare nel compendio di Villa Rigamonti Coletti, in via Tasca. Questa Villa Veneta del ‘700 è sotto tutela dei beni artistici e storici fin dalla data 20/01/1964 (ex lege 1/6/1939 n.1089). Il sito, testimonianza del nostro pregevole passato, si compone di villa padronale, oratorio con le reliquie di Santa Pulcheria e parco, oltre alle relative pertinenze.

Continua  a leggere 2020 lettera a Soprintendenza e Sindaco per Villa Rigamonti Coletti.pdf

Casale sul Sile (Treviso): l’interesse pubblico significa un nuovo Polo logistico.

E’ dagli anni novanta del secolo scorso che a Casale sul Sile “aleggia” un progetto urbanistico per trasformare l’area denominata “Parco Tematico” (parliamo di ben 500mila metri quadrati) in un’ennesima colata di cemento a destinazione produttiva, posta a sud-est del territorio e dislocata tra due ampie zone – sempre a destinazione produttiva – una a ovest all’interno dei confini dello stesso comune e l’altra a est nel comune di Quarto d’Altino.

Continua  a leggere 2020 CASALE SU NEWLWTTER SILP.pdf

Iniziative culturali di Marzo 2020. ANNULLATE

Amici camminatori curiosi, la richiesta di partecipazione all’escursione di domenica 8 era tale da farci temere difficoltà di gestione. Non ho la controprova ma correvamo il rischio di essere un centinaio. In tempi di covid19 allora, meglio lasciar perdere e rinviare l’uscita al mese di aprile o maggio a seconda dell’evoluzione dell’epidemia.

Vi annuncio invece che il 29 marzo (incrociamo le dita) dovremmo andare alle Grave di Ciano, area preziosa e bella che sembra destinata a essere completamente distrutta da un intervento di contenimento delle piene del PIAVE. Ovviamente non è che non teniamo in conto il problema delle piene del “fiume sacro”, ma riteniamo il problema sia affrontabile diversamente.

Colgo l’occasione per allegarvi le nostre iniziative culturali che a breve avranno come sede Castelfranco.

Uniti contro il covid19.

Paolo

Incontro con Commissione Ambiente Mogliano

Venerdì 24 Gennaio alle 18 noi del Comitato Cave e Salviamo il Paesaggio Mogliano abbiamo partecipato all’incontro con la Commissione Ambiente nella sala del Consiglio comunale ove sono stati presentati i diversi obiettivi della nostra azione sul territorio. Si allega il resoconto dell’incontro:

Resoconto richieste a Commissione Ambiente del 24 gennaio 2020 (2) (2).pdf

Salviamo il paesaggio alle Grave di Ciano

Eravamo in 300, giovani e forti e ancora non siamo morti … Una folta delegazione di SilP Mogliano Veneto (3 + 1 indigena + 1 collaboratore esterno) era tra coloro che hanno affiancato la sindaca leghista di Crocetta in difesa del suo e nostro territorio, una bellissima grava con all’orizzonte le cime imbiancate delle Prealpi trevigiane da cui dovrebbero essere asportati milioni di mcubi per creare una cassa d’espansione per le
piene del fiume sacro alla Patria delimitata da un muro di complessivi 13 km.

Si può firmare la petizione “Al Presidente della Regione Veneto Luca Zaia SALVIAMO LE GRAVE DI CIANO: NO ALLE CASSE DI ESPANSIONE!” al seguente link:

http://chng.it/CmfRCTBBkh