Domenica 22 Ottobre – Uscita: “Soligo e le sue colline”

Amici camminatori curiosi, domenica 22 ottobre (se non piove) torneremo a camminare in un ambiente collinare destinato, sembra, a essere inserito tra i luoghi patrimonio dell’Umanità.
Si tratta delle colline trevigiane adiacenti al comune di Farra di Soligo, Soligo sarà la frazione da cui inizieremo la nostra escursione che raggiungerà, come punto più alto, il santuario di Collagù.
Passeremo per il colle e la chiesa di San Gallo, che visiteremo, e alla fine del percorso ci faremo aprire anche San Pietro e Paolo a Soligo che vale una visita, per chiudere con una chicca che lasciamo come sorpresa.
Comunque principale soggetto della nostra camminata sarà il paesaggio, tanto bello e ammirato, quanto sottoposto a critiche da parte di alcune associazioni ambientaliste e cittadini che accusano i coltivatori di Prosecco di non badare alla salubrità dell’ambiente irrorandolo di prodotti chimici con l’obiettivo di salvaguardare la quantità di produzione a scapito della qualità dell’ambiente.
Noi andremo a vedere, ammireremo e, forse, criticheremo.
La fatica sarà adatta a chi ha già testato le nostre escursioni.
Ricordiamo a tutti che la conferma, come sempre, la daremo il venerdì 20 pomeriggio valutando le previsioni atmosferiche.
Un cordiale saluto,
Paolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Domenica 1 Ottobre – Uscita: “Valle del Grisol”

Sebbene il cielo coperto e un po’ di pioviggini l’uscita è stata un successo. I partecipanti hanno ammirato la bellezza del paesaggio e lo splendore della Val del Grisol. Questo ambiente è così speciale che ci stiamo impegnando nella sua salvaguardia, aiutando gli amici bellunesi di Acqua Bene Comune, anche con un sostegno economico.
Essi sono impegnati in una vertenza di giustizia amministrativa finalizzata a impedire l’insediamento di una centralina elettrica in uno dei punti più spettacolari del torrente, che verrebbe, per un tratto di 3 km, privato del suo corso naturale, uno dei più belli delle Dolomiti Bellunesi.

Al Pont de la Costa Granda  abbiamo dato la parola al Sig. De Cesaro e a Lucia Ruffato che ha invitato a consultare in Facebook il sito che propone l’abolizione degli incentivi alle centraline.

Il pomeriggio la maggior parte degli escursionisti partecipa a una seconda fase che
porta dal cimitero di Pirago alla spettacolare passerella di Igne.

Alla prossima

 

Paolo

 

Domenica 11 Giugno – Uscita: bosco di Cajada

Abbiamo chiuso il nostro breve ciclo di escursioni primaverili andando a conoscere uno scrigno naturalistico nascosto a poca distanza da casa nostra. Siamo  stati nel Parco nazionale delle Dolomiti bellunesi, all’ingresso di uno dei boschi banditi della Repubblica Veneta i cui cippi confinari sono testimoni di un passato al servizio dell’Arsenale. Questa passeggiata ci ha fatto conoscere una parte del bosco, le rocce affioranti e la conca del Palughet con l’omonima malga, fino alla grande frana delle Roe. Grande attrazione è stato l’abete bianco “monumentale”  e la “piccola” sequoia alla tenuta Protti. Non di meno abbiamo infine ammirato uno dei più bei esempi di architettura cimiteriale del nord est, luogo da tutti, o quasi, ignorato: il cimitero di Muda Maè.

Grazie a tutti i partecipanti e a tutti coloro che ci hanno aiutato nel realizzare questo ciclo di escursioni. Ci rivediamo in autunno, NON MANCATE!!


 

 

 

Uscita 28 maggio – sorgeni della Livenza

Una Domenica di sole ci ha accompagnato alla scoperta della fonte dell’eterna giovinezza: la sorgente della Livenza. Alla vista di queste splendide acque turchesi abbiamo capito il perché dei ritrovamenti paleolitici in zona. Abbiamo attraversato Polcenigo, caratteristico borgo nato a guardia della fonte, e visitato la chiesa della Santissima, a ricordare come l’acqua significava vita tanto ieri quanto oggi.


 

Ciclo di conferenze 2017: Noi e l’ambiente

ULTIMO APPUNTAMENTO DEL CICLO: NOI E L’AMBIENTE …

CONSUMO DI SUOLO IN ITALIA E SITUAZIONE IN VENETO

CENTRO SOCIALE MOGLIANO VENETO ORE 20.45 MARTEDI’ 16 MAGGIO 2017

Da quando si è formato, nel 2012, Salviamo il Paesaggio di Mogliano Veneto, aderente all’omonimo Forum nazionale, si è impegnato a livello locale sul tema consumo di suolo, oggetto della conferenza con l’ing. Michele Munafò. Tra le altre cose censendo nel 2013 161 edifici, in stato di abbandono o non utilizzati, presenti sul territorio comunale.

Ora sembra che, finalmente, sia pronto il nuovo PAT (il precedente era solo stato adottato ma mai approvato) e riteniamo la conferenza offra a questa Amministrazione l’opportunità di affrontare pubblicamente la questione di fronte alla cittadinanza. Il Sindaco non sarà presente, ma ha delegato l’arch Roberto Rossetto, incaricato di elaborare il nuovo Piano di Assetto del Territorio, a rendere note le intenzioni del Comune sul tema.

Speriamo che dopo tre anni di attesa e di non coinvolgimento nell’elaborazione di questo importante strumento urbanistico, sia arrivato il momento di conoscerne alcuni qualificanti contenuti.

Michele Munafò è ingegnere per l’ambiente e il territorio, dottore di ricerca in Tecnica urbanistica e professore a contratto per le discipline del settore Tecnica e pianificazione urbanistica presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università Sapienza di Roma.

Domenica 7 Maggio – Uscita: “Sorgenti del Sile”

Ci siamo recati in visita alle sorgenti del Sile partendo da “La porta dell’acqua” a Casacorba. Qui la guida Alessandro Faggian ci ha descritto le bellezze e le criticità di questo ambiente. Nel pomeriggio abbiamo visitato a S.ta Cristina di Quinto le cave Carlesso, un bell’ambiente di cave senili, molto simili alle nostre cave di Marocco, per chiudere in bellezza con la visita a un capolavoro del rinascimento veneziano, la pala di Lorenzo Lotto conservata nella parrocchiale di S.ta Cristina e perfettamente descritta dalla nostra esperta Flavia Cabrio. Grazie a tutti!


 

Vuoi far parte del Comitato?

CAMPAGNA TESSERAMENTO 2017

Il Comitato per la difesa delle Ex Cave di Marocco è un associazione moglianese impegnata nella difesa dell’ambiente e del paesaggio, ed in particolare si batte da anni per la salvaguardia di un’importante zona umida posta a sud di mogliano perchè diventi un parco della biodiversità.
Oltre a questo obiettivo, il Comitato promuove diverse attività che riscuotono enorme successo di interesse e partecipazione come:
>> Uscite alla scoperta del territorio
>> Eventi culturali a difesa del paesaggio
>> Progetti per diffondere la cultura dell’Ambiente e la Biodiversità

SE VUOI FAR PARTE DEL COMITATO >> clicca QUI e inviaci una mail

Significativo contributo alla chek-list dell’avifauna delle Cave di Marocco

Nuove e utilissime segnalazioni per quanto riguarda il completamento della chek-list delle specie ornitiche della fauna delle Cave di Marocco. Il contributo ci arriva da un nuovo amico, Lorenzo Celeghin. Lui stesso ci scrive:
“…Pratico birdwatching e fotografia naturalistica.
Da qualche tempo frequento le cave di Marocco per le mie uscite 
naturalistiche/fotografiche. Durante le escursioni, ho preso appunti sulle osservazioni fatte e ho creato una Chek-list degli uccelli/ presenti all’interno dell’area cave.
Ho pensato di inviarvela con lo scopo di aiutarvi, nel lavoro 
importantissimo che state facendo, di salvaguardia e protezione della zona.
Penso che possa essere uno stumento che aiuti a comprendere sempre di
più l’importanza e la ricchezza della biodiversità presente nelle 
cave, e a sensibilizzare l’opinione pubblica e politica del comune di Mogliano”.

Grazie Lorenzo il Comitato e tutta Mogliano ti ringraziano.
chek_list_uccelli_cave-di-marocco_mogliano-veneto_2016.pdf

immagine-celeghin