Domenica 15 Maggio – Uscita : “a Castelcucco”

“Ne è valsa la pena!”. Questo è quello che noi tutti abbiamo pensato, perché, nonostante il tempo, a tratti avverso, la giornata è stata ricca di emozioni e punti di interesse, com’è sempre nelle intenzioni di chi ci guida. A proposito: grazie a tutti coloro che con il loro impegno ci fanno scoprire questi piccoli ambienti di grande bellezza. Alla prossima, il 12 Giugno!

 DSCN0685 DSCN0697 DSCN0723 DSCN0742 DSCN0745 il bosco e la forra la chiesetta massa in gruppo riposo in chiesa serpentello umano Tutti ad ascoltare il capo urca che nero

 

Domenica 10 Aprile – Uscita: “da Quarto ad Altino”

Protagonisti dell’uscita: il sole, la campagna di Altino e Quarto, l’idrovora Carmason, i tecnici del Consorzio Dese Sile, il sindaco di Quarto, il museo di Altino e l’azienda Zacchello. Tutti questi ingredienti sono stati conditi, come sempre, dalla voglia di camminare e condividere insieme. Non mancate alla prossima uscita il 15 Maggio a Castelcucco!

104_4604 104_4607 104_4615 104_4616 104_4619 104_4631 104_4647 104_4660 104_4661 104_4666 104_4667 104_4668 104_4669 104_4670 104_4672

Bilancio rassegna cinematografica.

La rassegna cinematografica organizzata al cinema Busan di Mogliano Veneto su proposta del Comitato Cave di Marocco in collaborazione con Salviamo il Paesaggio Mogliano ha avuto un esito estremamente positivo, che ci fa sperare di poter riproporre una nuova rassegna anche il prossimo anno. Ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato e che hanno condiviso con noi le emozioni e le riflessioni che queste tre splendide pellicole ci hanno saputo trasmettere.

Ma non è finita qui! Infatti ripartiranno  tra poco le imperdibili uscite alla scoperta del territorio. Quindi è tempo di abbandonare le comode sedie del cinema e andare a vivere le emozioni dal vivo, lì dove nascono. Vi aspettiamo numerosi!!

wolf-02wolf-03wolf-07manifesto CheienneCheyennepeople 9sale -01wolf-05wolf-06

Serata di Venerdì 26 Febbraio: agricoltura e paesaggio. Il caso prosecco

Si è svolta l’ultima serata del ciclo di approfondimenti con protagonita il nostro territorio, che quest’anno il Comitato Cave e Salviamo il paesaggio Mogliano, hanno proposto alla cittadinanza. Serata fantastica. I relatori sono stati all’altezza delle aspettative e hanno esposto e risposto a tutti gli interventi del pubblico: dal piccolo produttore di vino locale che chiede delucidazioni sull’uso dei solfiti, al consumatore giustamente preoccupato per l’uso degli erbicidi, all’amante della passeggiate, che, come noi, inorridisce davanti ad alcuni maldestri interventi nei luoghi stupendi del Prosecco, al tecnico che offre nuove metodologie per certificare il biologico. La speranza è che da questa sera si sia costruito un nuovo tavolo di lavoro e si sia rafforzata una consapevolezza tra gli addetti ai lavori e tra i semplici cittadini: questi territori sono un patrimonio comune di tutti, che noi abbiamo il privilegio di vivere e lavorare, la cui protezione deve vincere qualunque speculazione.

A breve in questo sito saranno disponibili i link per vedere i video-riassunti delle serate. Ci vediamo al cinema!!

 100_4577L'assessore e il nostro CAPOI 4 relatoriVettorello De MoriNardiTempestaIntervento 2 Intervento 4 Intervento 7

Serata di Venerdì 12 Febbraio: Dese e Zero, due fiumi da riscoprire

Un’altra interessante serata anche questa volta molto partecipata. L’argomento era di sicuro interesse per il territorio e gli abitanti di Mogliano, che hanno risposto riempiendo la sala e intervendo numerosi alla fine delle presentazioni. Ma non solo Moglianesi erano presenti: le immagini storiche e le prospettive attuali e future legate alla gestione del fiume Dese e Zero, così ben descritte dai due relatori Luigino Scroccaro e Paolo Cornelio, hanno coinvolto anche chi non conosceva direttamente questi argomenti.

Si incomincia...

Si incomincia…

IMG_8699--

Ass. Giovanni Scognamiglio

IMG_8703--

Luigino Scroccaro

interventi-03 interventi-04 interventi-06

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Presentazione dei conferenzieri di Venerdì 12 Febbraio:

Dopo aver approfondito la conoscenza della vegetazione e della fauna del Cansiglio, ora i moglianesi potranno meglio conoscere i due corsi d’acqua più importanti che attraversano il loro territorio: il Dese e lo Zero. Due fiumi di sorgiva, 52 km il Dese, 43,5 lo Zero che attraversano il territorio innervando con le loro acque le nostre campagne fino a ricongiungersi nei pressi di Altino per sfociare in Laguna.

Per secoli hanno garantito con le loro acque non solo pesca e irrigazione, ma anche acqua potabile e utilizzo commerciale per trasporto di merci, oltre a generare l’energia per le ruote dei numerosi mulini atti alla trasformazione in farine delle diverse granaglie. Vie d’acqua quindi, ogni tanto riottose e rovinose per chi abitava nei pressi, ma fondamentali in un’economia relativamente povera com’era quella agricola fino alla metà del secolo scorso.

Già dall’inizio del ‘900 la pesca in terra ferma sparisce come risorsa economica di sussistenza, inizia invece una pescicultura mediante allevamenti di trote condotti su appositi bacini; i mulini nel frattempo perdono rapidamente la loro funzione per venire lasciati spesso in abbandono; rimangono i consorzi di bonifica a prestare attenzione a questi due piccoli fiumi e praticamente nessuno più delle ultime generazioni che vive nei pressi di queste acque vi ha iniziato le prime esperienza natatorie.

Abbiamo deciso di affidare a uno storico e a un tecnico del Consorzio acque risorgive il compito di farci conoscere quanto essi hanno dato ai nostri padri e quanto si stia facendo in questi ultimi anni per recuperarne una qualche naturalità dopo averla quasi annientata negli ultimi decenni.

Luigino Scroccaro è, a nostro avviso, lo Storico del nostro territorio; di Dese è Zero ha percorso le rive, negli archivi ha scoperto la documentazione che li ha interessati nel corso degli ultimi secoli, ai loro mulini ha dedicato studi specifici. Basti citare, tra le sue numerose pubblicazioni, il suo Tre Fiumi e un fiumetto, la storia del Consorzio Dese. Ancora attivissimo, garantisce con le sue conferenze, a partire da quelle nelle scuole, il mantenimento di una memoria necessarissima al nostro oggi.

Paolo Cornelio da anni, con altri, cura all’interno del Consorzio gli interventi di ripristino e rinaturalizzazione dei corsi d’acqua consortili e dei bacini d’acqua come quelli delle numerose cave senili presenti sul territorio. Interessante il suo contributo al progetto per il Bosco Nicolas, importante intervento di ripristino di una fascia boscata a ridosso dello Zero a Marcon, con finalità anche fitodepurative per le acque sversanti in Laguna, e delle cave di Salzano recuperate a una naturalità, assieme al vicino Marzenego, che possono costituire un importante riferimento anche per le nostre cave di Marocco.

Serata di Venerdì 5 Febbraio: il faggio e la fauna

Serata all’insegna delle stupende immagini del Cansiglio e dei suoi abitanti. Non solo suggestioni ma anche descrizione fisica e rigore scentifico con l’intervento del prof. Mezzavilla, che ha presentato il suo nuovo libro, frutto della sua ricerca pluriennale. Il cocktail è stato apprezzatissimo e lo ha dimostrato una sala piena fino alla fine. Grazie a tutti di aver partecipato!

IMG_8667IMG_8657

IMG_8661

Paolo Toffoli

IMG_8656

Francesco Mezzavilla

IMG_8670

Ferdinando Terrazzani

IMG_8672

Paolo Favaro e l’Ass. Oscar Mancini

Eventi culturali 2016

INCONTRI CULTURALICentro Sociale, Mogliano V. – ore 20,45
Conoscere il territorio – 3 esempi trevigiani
5 febbraio – Il faggio e la fauna
12 febbraio – Dese e Zero, due fiumi da riscoprire
26 febbraio – Agricoltura e paesaggio: il caso prosecco

> guarda il programma COMPLETO

FILM DOCUMENTARI – Cinema Busan, Mogliano V. – ore 20,45
Uno sguardo diverso: il cinema guarda la Natura
3 marzo – L’ultimo lupo
10 marzo – Cheyenne 30 anni – la sfida di una donna/pastora
17 marzo – Il sale della Terra

> guarda il programma dei FILM

 

 

 

 

 

Risposta all’articolo su Eco: “I paladini del verde. Missing?”

In merito all’editoriale dell’Eco, giornale locale di Mogliano Veneto, del 10 Novembre scorso, che si rivolge a tutte le associazioni ambientaliste del territorio, colpevolizzandole di non essere, a loro dire, presenti a quello che ultimamente sta succedendo nel comune, il Comitato ha voluto ufficialmente rispondere e ha inviato tale risposta alla redazione dell’Eco in data 9 Dicembre 2015. Ad oggi, 18 Gennaio, attendiamo ancora risposta! Si allega articolo e lettera di risposta.

missing 001Lettera a Ermini x paladini del verde (2).pdf

Lettera a sindaco.

Oggetto: richiesta incontro relativo alle prospettive dell’area delle cave di Marocco e situazione urbanistica in rapporto al PAT.

Le scrivo a nome sia del Comitato Cave Marocco che del Coordinamento moglianese Salviamo il Paesaggio per richiedere, a un anno e mezzo dall’insediamento della nuova Giunta Comunale che la sostiene nell’impegnativo ruolo di primo cittadino nonché di Assessore all’urbanistica, un incontro utile a aggiornarci e chiarirci lo stato delle cose…”

Lettera a Sindaco richiesta incontro (2).pdf